Ricettività

Vinilia Wine Resort

Una maestosa residenza dei primi del 900' nella terra del Primitivo si trasforma in un magico luogo di ospitalità dallo stile non convenzionale.

Località

Manduria (TA)

Anno di completamento

2016

Architetto e Direttore Lavori

Arch. Gabriella Verardi

Collaboratori

Ing. Miriam Mosaico

Ing. Rossana Galiano

Ing. Civili

Ing. Giuseppe Pedone

Ing. Giuseppe Carallo

Graphic designer

Mafalda Giulia Gemma

Customer

L.P. SERVICE s.r.l.

Photo Credits

Adriano Bacchella

Dal recupero di un immobile rurale di grande pregio architettonico, nasce Vinilia Wine Resort, un luogo per l’ospitalità di lusso in Puglia, a Manduria, nella Terra del Primitivo, vitigno pregiato autoctono. L’immobile esistente è un piccolo castello, dimora di aristocratici locali, edificato agli inizi del ‘900. L’edificio si presenta maestoso ed austero, con torrette di avvistamento e merlature di grandi dimensioni a coronamento, immerso in un giardino tipico pugliese al cui interno dimorano alberi secolari ed un prestigioso frutteto. L’intervento di recupero e rifunzionalizzazione dell’edificio si connota per scelte tecnico-costruttive, rispettose della tipologia esistente e per la conservazione integrale dei caratteri architettonici di pregio dell’immobile. Sono state recuperate le balaustre in pietra, i colonnati, i fregi e le cornici esterne, i disegni degli infissi esterni. Molte zone dell’edificio, crollate a seguito di un prolungato abbandono, sono state ricostruite fedelmente ed è stata eliminata ogni superfetazione. All’austerità ed alla massività del manufatto edilizio si contrappone un interior design giocoso ed innovativo, realizzato con un mix di arredi, molti dei quali provenienti da ricerche in loco, di pezzi vintage anni ’40 e ’50, combinati a pezzi dal design nordico contemporaneo. L’effetto finale è inaspettato e fiabesco, senza imitazioni stilistiche e del tutto informale. Gli ambienti interni si propongono al visitatore come una continua scoperta, fatta di oggetti, opere d’arte, prospettive, luci, materiali inaspettati. Le 18 camere dell’albergo sono tutte diverse per tipologia e arredi. Il corpo scala centrale, alto più di 30 metri, è un vero colpo d’occhio per la tipologia costruttiva a volte con cui è realizzato. L’albergo ospita un Ristorante stellato (1 stella Michelin) che sia affaccia sul bellissimo giardino storico, circondato da un muro a secco. E’ in fase di realizzazione una SPA, con vista sul castello e immersa tra gli alberi di fico e melograno esistenti. L’intero progetto ha previsto uso di tecniche di sostenibilità ambientale, di riduzione di uso delle risorse non rinnovabili, a cominciare dal suolo agricolo, di recupero e riuso di quanto presente sul sito di intervento, di uso di maestranza artigianale locale. Il Resort rappresenta un po’ il manifesto delle eccellenze artigianali locali pugliesi, con i quali sono stati progettati e realizzati molti elementi di arredo e decorativi dell’albero. Il progetto ha avuto diversi riconoscimenti ed è stato pubblicato su testate di settore nazionali ed internazionali.

Icon Cultura locale

100%

Cultura locale

Icon Design su Misura

100%

Design su Misura

Icon Sostenibilità

70%

Sostenibilità